Miglior Conto Corrente online

Tra i migliori conti correnti che è possibile aprire online e gestire sempre su internet vi è Conto Webank, un conto corrente online apribile presso l’omonima banca, la Webank. Webank è un istituto di credito appartenente alla Banca Popolare di Milano. L’offerta attualmente in corso non prevede per il cliente il pagamento di un canone ed infatti è in atto una promozione firmata “zero canone”. Il cliente avrà inoltre la possibilità di utilizzare 1.000€ in commissioni per effettuare operazioni di trading e 1.000€ di esenzione bollo nel caso in cui decidesse di utilizzare il deposito titoli.

Per quello che riguarda costi e ricavi, il conto corrente Webank offre al momento un tasso lordo dello 0,10% a tutti i nuovi clienti che utilizzeranno il conto online per la gestione delle operazioni principali con una frequenza media.

Chi utilizzerà quindi il conto con una frequenza media ed avrà un saldo attivo, in media, di 5.000€ ed avrà richiesto l’accredito sul conto bancario della pensione o dello stipendio potrà utilizzare il Conto Webank senza dover sottostare ad alcun tipo di spesa, anzi, il cliente otterrà un ricavo, dovuto dal maturare degli interessi, superiore a due euro.

Sempre per quello che riguarda i conti correnti online, tra le proposte di spicco, per il momento, vi è la proposta finanziaria di BancadinAmica che propone l’offerta chiamata Conto BancarinAmica. Rispetto a Webank il cliente avrà dei ricavi maggiori in quanto il tasso a regime applicato è superiore. Anche qui non troviamo spese ed infatti anche il conto Bancadinamica è a canone zero e non prevede le spese dei bolli. Purtroppo però per chi ha la necessità di fare trading o di utilizzare i deposito titoli non vi sarà alcun tipo di scontistica da effettuare.

Anche CheBanca offre un conto corrente vantaggioso, non solo online ma anche in filiale. Purtroppo però con l’opzione richiedibile in filiale il cliente non riuscirà a trarre alcun tipo di profitto in quanto gli interessi attivi saranno assenti. Questo sarà dato dal fatto che il tasso a regime è pari allo 0%. Il cliente avrà invece un costo fisso da sostenere che attualmente ammonta a ventiquattro euro.