Autorizzazioni e permessi per le case prefabbricate in legno

Nelle pratiche per la realizzazione e costruzione di una casa prefabbricata in legno spesso non ci comprende bene la documentazione e le relative autorizzazioni da dover presentare perchè molti sono concordi nel dover sostenere che non ci sia bisogno di pratiche burocratiche perché tale tipo di casa non è una abitazione vera, ma non è così.

Ecco le informazioni relative a casa in legno prefabbricate: permessi e autorizzazioni.

La costruzione di una casa prefabbricata in legno non è tanto diverso dalla costruzione di un’abitazione in muratura perché le pratiche da gestire sono le medesime. Per la costruzione di un’abitazione classica occorrono delle autorizzazioni, ma anche delle concessioni edilizie e un edificabile terreno e al contempo sono necessari all’utente che si appresta alla costruzione di una casa prefabbricata in legno.

Non è vero che avere le autorizzazioni occorrenti per costruire una casa prefabbricata in legno è difficile a differenza della documentazione occorrente per realizzare una casa standard: una casa prefabbricata in legno è una abitativa struttura a tutti gli effetti quindi soggetta ai regolamenti per realizzare strutture abitative. Il motivo della tempistica e della richiesta di tante pratiche è piuttosto intrinseco a tale caratteristica: le case prefabbricate in legno vengono montate su platea oppure su scantinato creato in cemento armato, divenendo delle permanenti strutture con durata pari alle tradizionali abitazioni in muratura.

Il progetto per realizzazione una casa prefabbricata in legno dovrà essere avviato e seguito da un tecnico specializzato con abilitazione come architetto, geometra oppure ingegnere, dovrà obbligatoriamente ricoprire il ruolo di direttore dei lavori dell’abitazione, diventando soggetto responsabile.

Successivamente saranno occorrenti altre figure professionali che si occuperanno di:

  • sicurezza del cantiere;
  • indagine geologica del terreno edificabile;
  • il progetto dei sistemi di riscaldamento, l’impianto elettrico ed idraulico.

Il permesso e l’autorizzazione di costruzione viene concesso dall’amministrazione comunale: il processo è diverso a seconda dei comuni, ma sarà lo stesso progettista a dover preparare la documentazione tecnica occorrente e presentarla nei tempi richiesti.

Il progetto della casa prefabbricata in legno verrà esaminato da una Commissione Edilizia oppure da un’istruttoria interna.

Se il terreno oppure il territorio di costruzione della casa prefabbricata in legno sarà soggetto a vincoli storico-paesaggistici oppure ambientali sarà possibile che verrà richiesto il preventivo parere della Soprintendenza ai Beni Ambientali.

E’ possibile pure che, a seconda dei regolamenti comunali, sarà necessaria soltanto la presentazione del documento D.I.A. Le case prefabbricate in legno presentanti nella progettazione un intervento a cappotto esterno intonacato presentano maggiori possibilità per avere i permessi e le necessarie autorizzazioni perchè rivestono i requisiti per l’efficienza maggiore energetica dell’edificio.