6 Fattori interessanti della sessualità femminile

Quando si parla di donne e sesso si entra in un settore un po’ particolare, del quale tanti uomini vorrebbero conoscere di più ma, purtroppo, di cui non sanno molto. Inutile cercare un colpevole in questa “ignoranza” perché la verità sta nel mezzo: non tutti gli uomini si impegnano al massimo per cercare di dare piacere alla loro donna quando sono sotto le coperte, e non tutte le donne sono così chiare e sincere con il loro uomo nel mettere in evidenza ciò che piace e ciò che, invece, no.

In questo articolo vogliamo raccogliere 6 punti importanti, universalmente validi, che permetteranno ai maschietti di capire meglio le loro femminucce e, perché no, riuscire a farle godere meglio già da stanotte. Si tratta, in pratica di 6 consigli di sesso suggeriti da Gossip Piccante.

1. Secondo David Buss e Cindy Meston nel loro libro best-seller “Perché le donne fanno sesso”, le donne che hanno seni più piccoli sono più sensibili alla stimolazione erotica rispetto alle loro sorelle più dotate. Inoltre, la sensibilità del seno tende a diminuire con l’età in tutte le donne.

2. Elizabeth Lloyd autrice di “Il caso dell’orgasmo femminile” ha rilevato che solo il 15-35% delle donne raggiungono l’orgasmo durante i rapporti sessuali senza alcuna stimolazione clitoridea di accompagnamento. E ‘arrivata a questa cifra attraverso l’analisi di un gran numero di studi nel settore.

3. I genitali femminili hanno un ruolo decisivo nel consentire la paternità. Cioè, la vagina non dà pari opportunità ad eventuali spermi appartenenti a uomini diversi, ma raccoglie e sceglie l’uomo migliore (o sperma) per il lavoro.

4. A causa di questo fatto, la natura ama la varietà – in particolare la varietà sessuale. Ecco perché nella maggior parte degli stili di vita la monogamia è rara. Non è raro nel regno animale che una femmina si accoppi con più maschi durante il suo periodo di riproduzione. In questo modo si arriva a provare una varietà di sperma e a scegliere quello che è geneticamente più compatibile con il proprio corpo. E’ il modo di madre natura di garantire una prole sana.

5. Le donne sono più propense a barare sulla trentina. A quell’età, la fertilità inizia a diminuire. Quindi, per massimizzare quello che è rimasto, mentono (spesso con un esemplare migliore di quello che hanno in casa).

6. Il punto G, che alcuni considerano la prostata femminile (e alcuni sostengono che non esiste affatto) è un insieme di ghiandole parauretrale che può essere stimolato attraverso la parete superiore della vagina. Per circa il 66% delle donne queste circondano il glande uretrale. Ma per alcune donne,sono distribuite lungo il tetto della vagina. Quindi, in altre parole, non date per scontato che sia un posto. In alcuni casi, è più di una zona.